Il decreto Rilancio ha previsto l’istituzione presso l’ANPAL (Agenzia Nazionale Politiche Attive del Lavoro) di un apposito fondo, il Fondo Nuove Competenze, finalizzato a sostenere il reddito dei lavoratori impegnati in percorsi formativi (730 milioni di euro in dotazione).

Il Fondo, a fronte della sottoscrizione, entro il 31 dicembre 2020, di un accordo sindacale aziendale o territoriale che preveda una riduzione dell’orario lavorativo e la contestuale partecipazione dei lavoratori ad attività formative, riconosce al datore di lavoro il finanziamento del trattamento economico dovuto per le ore di formazione (comprensivo della relativa contribuzione).

L’accordo deve indicare:

  • le ore destinate alla formazione (massimo 250 ore per lavoratore);
  • il fabbisogno del datore di lavoro in termini di nuove competenze;
  • il progetto formativo.

L’ammissione al beneficio è subordinata alla presentazione di un’apposita istanza all’ANPAL.

È un’opportunità per le imprese per l’accesso ad azioni formative finalizzate al superamento della crisi indotta dalla emergenza da Covid-19 ma, soprattutto, per garantire un rinnovamento ed accrescimento delle competenze dei lavoratori

Fondartigianato sta predisponendo le procedure necessarie al fine di consentire la partecipazione del nostro Fondo alle azioni formative previste dal Fondo Nuove Competenze.

Nei giorni scorsi la Ministra del Lavoro Catalfo ha annunciato che, rispetto a quanto attualmente previsto dal bando ANPAL per l’accesso al Fondo nuove competenze, i datori di lavoro privati potranno andare oltre la scadenza del 31 dicembre 2020 per sottoscrivere gli accordi con i sindacati di rimodulazione dell’orario di lavoro ai fini della formazione dei propri dipendenti. I nuovi termini saranno definiti in un decreto interministeriale, che chiarirà anche la possibilità di utilizzare la dotazione iniziale di 730 milioni per tutto il 2021.

Per maggiori informazioni compila il form

    Nome e Cognome *

    Email *

    Messaggio