Logo CNA Forlì Cesena

13-02-2014 | Appuntamenti

Mobilitazione nazionale a Roma: da Forlì-Cesena 220 imprenditori

Mobilitazione nazionale a Roma: da Forlì-Cesena 220 imprenditori

“Senza Impresa non c’è Italia. Riprendiamoci il futuro”la mobilitazione del 18 febbraio si avvicina. Grande partecipazione tra gli imprenditori di CNA Forlì Cesena.

Senza Impresa non c’è Italia. Riprendiamoci il futuro”: una mobilitazione nazionale per esprimere il profondo disagio delle piccole imprese italiane stremate dalla crisi economica e da condizioni di contesto che comprimono le potenzialità del tessuto produttivo.

“Grazie anche alla nostra adesione – afferma Enzo Cortesi, presidente di CNA Forlì-Cesena – sarà la più importante manifestazione unitaria sul territorio nazionale per far sentire al Paese, in modo chiaro e forte, le ragioni delle imprese, da troppo tempo strette nella morsa recessiva, fiscale e burocratica. Siamo molto soddisfatti della partecipazione: sono oltre 220 gli imprenditori confermati che parteciperanno dalla nostra provincia”.

Un disagio ormai intollerabile che nel 2013 ha costretto oltre 1000 imprese al giorno a chiudere i battenti riducendo il reddito individuale da lavoro dipendente di oltre il 10%.

L’economia del paese è bloccata da caos delle norme e dal costo della burocrazia che risulta sempre più grave per le PMI sfiorando oltre 30 miliardi l’anno, dalle forti difficoltà di accesso al credito, dal problema dei mancati pagamenti della pubblica amministrazione e dall’insostenibile pressione fiscale che ha toccato livelli record raggiungendo il 44,3%.  La tassazione dei profitti delle aziende raggiunge invece il 66%.

Nonostante tutto le piccole imprese provano a resistere. La manifestazione è l’occasione per dare visibilità alle micro, piccole e medie imprese, che, nonostante le difficoltà, continuano a garantire occupazione e stabilità, ma non ricevono adeguata attenzione da parte del mondo politico ed istituzionale.

Per questo la mobilitazione di martedì 18 febbraio non sarà solo una manifestazione di protesta ma soprattutto di proposta perché R.ete Imprese Italia propone di:

  • riformare gli assetti istituzionali e garantire la governabilità,
  • trasformare l’oppressione fiscale in sviluppo,
  • far ripartire le imprese e uscire dall’emergenza occupazionale,
  • concedere credito alle imprese,
  • proseguire nell’azione di semplificazione burocratica,
  • tornare alla legalità,
  • portare a competere più imprese sui mercati internazionali,
  • innovare il sistema dei trasporti e della logistica,
  • ridurre i costi energetici e superare il Sistri.

Segui tutti gli aggiornamenti in tempo reale direttamente su Facebook: www.facebook.com/cnaforlicesena

Per saperne di più scarica il documento di R.ete Imprese Italia