Logo CNA Forlì Cesena

27-08-2018 | Primo piano

CNA: le pmi trascinano la crescita della nautica da diporto

CNA: le pmi trascinano la crescita della nautica da diporto

In quattro anni la produzione è aumentata del 33%, nonostante le imprese non abbiano ricevuto aiuti e sostegni economici: ora una politica di settore

+33,1% e 4 miliardi di euro. Numeri importanti, che si riferiscono alla crescita produttiva nel periodo 2014-2018 e al fatturato del comparto, appena al di sotto di quanto registrato nel 2009, quando si parlava di boom nelle vendite.

È quanto emerge dal sesto Rapporto di ricerca di CNA Nautica, “Dinamiche e prospettive di mercato della filiera nautica da diporto”. In sostanza, sta riemergendo una storica eccellenza produttiva che la crisi aveva pesantemente colpito e la politica colpevolmente ignorato.

“A proposito di politiche penalizzanti – sostiene Maurizio Garavini, responsabile del comparto Nautica di CNA Forlì-Cesena – voglio ricordare la più assurda di tutte: la tassa di possesso sulle imbarcazioni da diporto. Una follia, che è riuscita a mettere in ginocchio il mercato nazionale e ad allontanare dagli approdi italiani un gran numero di diportisti; una imposizione assurda che, in seguito, venne abolita ma che aveva già provocato il danno”.

In merito al peso economico, bisogna considerare che il comparto non è fatto di soli costruttori e riparatori ma anche di aziende funzionali dei settori tessile, mobilio ed arredo, meccanica e della strumentazione varia.
Tutto ciò vale il 44% del giro d’affari, contro il 56% della produzione: una bella quota di “partecipazione” al valore complessivo del comparto!

“La piccola dimensione delle imprese – conclude Garavini – rappresenta il tratto caratteristico della nautica italiana; gli ultimi dati disponibili, indicano che le imprese con meno di 50 addetti sono il 97,9% del totale e contribuiscono al 46,8% dell’occupazione e al 35,1% del valore aggiunto. Il recupero del settore è frutto esclusivo della capacità imprenditoriale, ma ora c’è bisogno di consolidamento e di politiche dedicate. Come CNA abbiamo chiesto misure fiscali meno penalizzanti e un concreto sostegno all’innovazione, per porre le piccole imprese in condizioni di maggiore competitività e, in termini di servizi, uno snellimento della normativa e una semplificazione dei regimi amministrativi e dei controlli”.

Infine, c’è una tematica di medio periodo ma non meno importante, che investe la rete infrastrutturale; il nostro paese dispone di un porto o di un approdo turistico ogni 14,2 km, mentre la Francia di uno ogni 8 km e la Spagna di uno ogni 6,4 km.
Un gap che dovrà essere colmato.