Logo CNA Forlì Cesena

30-12-2019 | Primo piano

Aggiornamento MIBAC  

La prova di idoneità per il conseguimento della qualifica di restauratore di beni culturali è prevista dall’art. 182 (Disposizioni transitorie) del Codice dei beni culturali e del paesaggio (d.lgs. 42/2004). Nel decreto sono indicati i requisiti di ammissione e le modalità di svolgimento delle prove.

Per la domanda di iscrizione è necessario attendere la pubblicazioni del decreto del Ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo, di concerto con il Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca, nella Gazzetta Ufficiale – 4ª Serie speciale «Concorsi ed esami» e sul sito Internet istituzionale del Ministero per i beni e le attività culturali www.beniculturali.it.

In sintesi caratteristiche e prossimi passaggi. Di seguito i requisiti di partecipazione. 

Possono partecipare:

  • Collaboratori ai sensi del comma 1-sexies dell’art.182
  • Chi ha conseguito lauree:
    • Classe 41 – tecnologie per la conservazione e il restauro dei beni culturali
    • Classe L-43 tecnologie per la conservazione e il restauro dei beni culturali
    • Lauree specialistiche classe 12/s Conservazione e restauro del patrimonio storico artistico
    • Lauree magistrali classe LM 11 Conservazione e restauro dei beni culturali

Prossimi passi: 

  • Ministro Beni Culturali e dal Ministro dell’Istruzione pubblicano un Decreto per indire le prove. I decreto definisce le date, lo svolgimento e le sedi distribuite sul territorio.
  • A partire dalla data del Decreto per indire le prove:
    • Entro 60 giorni: i collaboratori devono presentare Domanda di partecipazione. Si devono indicare:  settori (max 2) e  i dati del versamento della tassa di iscrizione
    • Entro 30 giorni: viene nominata la Commissione Esaminatrice delle prove di idoneità.
      • La commissione deve pubblicare gli elenchi, dei soggetti ammessi, almeno 60 giorni prima dell'inizio delle prove di idoneità.

Quindi indicativamente le prove avranno luogo circa 90 giorni dopo la pubblicazione del decreto, salvo diversa indicazione dello stesso.