Per attenuare i costi derivanti dall’esplosione del costo energetico, il governo ha varato una serie di incentivi a favore delle aziende come il “credito imposta energia”. Sono previsti aiuti sia per aziende energivore che non energivore.

Per le imprese considerate energivore, cioè a forte consumo di energia elettrica, che abbiano subito un aumento del costo dell’energia elettrica superiore al 30% previsto un credito di imposta del 20% per il 1° trimestre 2022 e del 25% per il 2° trimestre 2022, delle spese sostenute per la componente energetica acquistata ed effettivamente utilizzata.

Per le imprese a non forte consumo di energia elettrica con contatore superiore a 16,5 kW che abbiano subito un aumento del costo dell’energia elettrica superiore al 30%, il credito di imposta scende al 15% per il 2° trimestre 2022, delle spese sostenute per la componente energetica acquistata ed effettivamente utilizzata.

Le agevolazioni non sono solo per l’energia elettrica ma anche per il gas, con lo stesso schema: imprese gasivore e non gasivore.

Per le imprese a forte consumo di gas che abbiano subito un aumento del costo del gas superiore al 30%, il credito di imposta è del 10% per il 1° trimestre 2022 e del 25% per il 2° trimestre 2022, delle spese sostenute per la componente energetica acquistata ed effettivamente utilizzata.

Per le imprese non gasivore che abbiano subito un aumento del costo del gas superiore al 30%, il credito di imposta è del 25% per il solo 2° trimestre 2022, delle spese sostenute per la componente energetica acquistata ed effettivamente utilizzata.

Scopri di più: www.cnafc.it/tax-credit-ucraina

Per chiedere informazioni oppure assistenza per il contributo d’imposta, compila il form:

    Ragione sociale *
    P. Iva*
    Comune*
    Nominativo di riferimento*
    Email*
    Telefono*
    Associato CNA?*
    Servizio Fiscale in CNA?*