“Riteniamo che questo sia il momento giusto per ri-progettare insieme alle istituzioni le fondamenta del nostro sistema economico, sociale e culturale, pensando in primo luogo alle ricadute sulle giovani generazioni. Siamo convinti che i giovani imprenditori con i loro progetti e la loro voglia di mettersi in gioco costituiscano una componente vitale per guardare con fiducia al futuro dell’Italia.” Con queste parole Marco Vicentini, presidente dei Giovani Imprenditori CNA, annuncia l’evento di presentazione del Manifesto “2020 ANNO ZERO”, a cui prenderà parte il viceministro dell’economia e finanze, Laura Castelli.

2020 ANNO ZERO è il Manifesto dei Giovani Imprenditori CNA che raccoglie le proposte da portare all’attenzione della politica e delle istituzioni al fine di avviare un confronto, muovendo dalla difficile situazione economica che il Paese sta affrontando.

I punti centrali del documento riguardano la necessità di sistemi di finanziamento dedicati ai progetti innovativi dei giovani e di incentivi mirati all’avvio d’impresa, di un sistema di welfare inclusivo e aperto agli imprenditori, con particolare attenzione agli strumenti di sostegno e di tutela nei periodi di inattività. Altro tema al centro del manifesto è la trasmissione d’impresa, riducendone il carico fiscale e introducendo figure di affiancamento che aiutino i giovani imprenditori in questo delicato passaggio. Nel manifesto non mancano i riferimenti ai temi della riconversione green a partire dalla definizione di una politica di bilancio pubblico tesa a sostenere il nuovo paradigma produttivo, e la necessità di politiche di sostegno alla famiglia per superare il gender gap.

Appuntamento, quindi, per lunedì 21 settembre alle ore 15 per la diretta streaming del lancio del Manifesto dei Giovani imprenditori CNA.