Logo CNA Forlì Cesena
home | Unioni | Benessere e sanità | Quando il campanello d’allarme non è la sveglia del mattino

Quando il campanello d’allarme non è la sveglia del mattino

 Stress e ansia purtroppo accompagnano la vita di molti imprenditori. I consigli di un esperto per riconoscerne i sintomi e per saperli gestire, o ancor meglio per prevenirli

La vita di un imprenditore è ricca di stimoli e sfide, che spesso però si accompagnano a un forte carico di stress. Che può diventare ansia, in particolare in un momento di crisi come questo. Ne abbiamo parlato col dottor Francesco Baldinini, psicologo-psicoterapeuta associato a CNA Benessere e Sanità:
“Anche se sempre più relegata alla sfera delle emozioni sgradite, l'ansia è in origine una utile risorsa dell'organismo, in quanto ci permette di essere attivi e attenti di fronte ad una situazione per noi oggetto di sfida. Mentre lo stress, semplificando, è una sollecitazione che ci dovrebbe indurre a mettere in atto dei cambiamenti. In realtà la situazione odierna rende il tutto decisamente più complesso. Le parole ansia e stress sono entrate sempre più nel lessico comune in quanto troppo presenti nel vivere quotidiano”.
Quali sono i campanelli d’allarme che ci devono preoccupare?
“I sintomi connessi ad un carico emotivo mal tollerato sono molteplici, fra i più tipici si evidenzia un peggioramento dei rapporti sociali sia familiari che lavorativi, con evidenti sentimenti di rabbia e irritabilità. Risulta difficile dormire bene, mentre è facilitato lo sviluppo di cattive abitudini quali il bere o fumare. Essendo ogni emozione un evento di natura somatica oltre che cognitiva, il permanere troppo a lungo in condizioni di stress può generare frequenti mal di testa, dolori muscolari alla schiena o al collo, problemi gastrointestinali. Ed è più facile incorrere nei classici mali di stagione, quali raffreddore o influenza.  Nei casi più gravi si generano veri e propri disturbi della psiche, quali attacchi di panico, ansia generalizzata e così via”.
Come fare per invertire la rotta?
“Un buon primo passo, per gestire al meglio ansia e stress, o ancor meglio prevenirli, è restare orientati su una soddisfacente qualità di vita, senza rendere il benessere emotivo un corollario rispetto a tutti gli altri impegni. Saper alternare momenti di dovere a momenti di svago, dar voce alle nostre emozioni senza chiudersi in se stessi e, nei casi più difficili, cercare l'aiuto di professionisti, sono alcuni rimedi ad una nuova sfida del nostro tempo”.

Dott. Francesco Baldinini
Psicologo-Psicoterapeuta, esperto in dinamiche emotive, è da molti anni attivo interprete nella promozione del benessere mentale. Collabora con diverse associazioni del territorio, collegate al disagio psichico, Alzheimer e disturbi alimentari, autore di testi e docente in corsi di formazione. Da molti anni impegnato nell'avvicinare il mondo del lavoro alla disabilità. Riceve privatamente a Cesena e Faenza. Per informazioni francesco.baldinini@gmail.com

Scarica l'articolo completo