Logo CNA Forlì Cesena

30-03-2018 | Primo piano

La lotta all’evasione totale è prima di tutto lotta alla concorrenza sleale

La lotta all’evasione totale è prima di tutto lotta alla concorrenza sleale

CNA sottolinea la necessità di tutelare il distretto del calzaturiero e le sue imprese

L’operazione condotta dalla Guardia di Finanza raccontata nei giorni scorsi, che ha fatto emergere un giro di fatture false da un milione e mezzo di euro è prima di tutto un’operazione a tutela del sistema imprenditoriale locale. L’evasione totale, infatti, produce effetti pesantissimi sul livello di concorrenza tra imprese, costringendo a una guerra al ribasso dei prezzi devastante per le imprese “corrette”.

Non solo: nel distretto del calzaturiero del Rubicone, che ricordiamo essere il più importante d’Italia per le scarpe di lusso, può produrre un effetto negativo anche sulla qualità del prodotto finale e sull’immagine dell’intero distretto, a discapito di tutti gli attori della filiera e dei consumatori.

“Come CNA sono diversi anni – nota Marco Gasperini, presidente di CNA Est Romagna – che sottolineiamo la necessità di combattere le sacche di evasione totale presenti sul nostro territorio, non solo perché diamo un forte valore ai principi di legalità, ma anche perché lo riteniamo un modo importante per tutelare le imprese che operano sul mercato rispettando le regole e il loro patrimonio di cultura d’impresa che, nelle calzature, rappresenta un caposaldo dell’economia del nostro territorio”.

Non a caso già tre anni fa CNA, la Guardia di Finanza e l’amministrazione comunale di San Mauro Pascoli hanno costruito un accordo della legalità proprio volto ad arginare questo genere di fenomeni consentendo di bloccare un giro di fatture false complessivamente di otto milioni di euro.

“Continuiamo ad invitare tutti i protagonisti del distretto – conclude Gasperini – a essere vigili per evitare la diffusione di questi fenomeni, affinché il distretto possa continuare a manifestare la qualità che lo ha portato a essere un’eccellenza e non dissipare il patrimonio imprenditoriale costruito nel tempo”.