Logo CNA Forlì Cesena

13-03-2018 | Opportunità

CNA paga gli interessi alle nuove imprese

CNA paga gli interessi alle nuove imprese

Un evento per festeggiare le venti imprese che nel 2017 hanno beneficiato di “Zero interessi”. CNA dà continuità al progetto e rilancia con una proposta innovativa, dedicata alle imprese già esistenti

Nel 2017, venti nuove imprese sono partite beneficiando del progetto “Zero interessi”, grazie al quale CNA Forlì-Cesena le ha supportate pagando gli interessi bancari per i loro investimenti. Un progetto fortemente voluto dal gruppo dirigente di CNA, che ha inteso in questo modo dare un sostegno concreto alle nuove imprese. Anche a fronte dei dati allarmanti analizzati dall’Ufficio studi di CNA, che mostrano come, rispetto al periodo pre-crisi, la vita media delle imprese sia più che dimezzata, essendo calata da 7 a 3 anni. Una vera e propria emergenza, che rischia di minare alla base il nostro tessuto imprenditoriale.

Per questo CNA Forlì-Cesena, la più grande Associazione di imprese del territorio, ha deciso di fare la propria parte, stanziando un contributo straordinario a supporto delle nuove imprese per accompagnarle nei primi anni di vita, che sono quelli più delicati e più rischiosi per la tenuta dell’impresa. Oltre al contributo, le imprese partite con CNA hanno potuto contare su: consulenza e supporto nell’avvio di impresa, consulenza specifica di settore, tenuta della contabilità e una ampia gamma di servizi.

CNA dispone di un osservatorio privilegiato: ogni anno, infatti, circa 700 aspiranti imprenditrici e imprenditori si recano presso una delle 23 sedi CNA del territorio provinciale per chiedere informazioni e supporto. Un dato estremamente significativo è che l’85% di chi viene a chiedere informazioni e avvia effettivamente l’attività lo fa con CNA: conferma del fatto che l’associazione ha messo a punto nel corso degli anni un ventaglio di soluzioni interessanti e utili per le più varie esigenze.
Il monitoraggio puntuale effettuato dagli uffici CNA permette, inoltre, di cogliere alcuni trend, come il particolare dinamismo negli ultimi anni del settore alimentare, compresi i pubblici esercizi.

Al termine del primo anno, il bilancio del progetto “Zero interessi” è più che positivo: 20 ditte coinvolte per un totale di 700.750 euro di investimenti finanziati. I dati sono stati presentati martedì 13 marzo presso la sede CNA in una conferenza stampa a cui hanno partecipato il presidente provinciale Lorenzo Zanotti e il direttore generale Franco Napolitano. Che è stata anche un evento per festeggiare queste nuove imprese, che riceveranno il contribuito di CNA, a rimborso degli interessi pagati. In conclusione brindisi augurale con degustazione di prodotti di alcune delle nuove imprese.

Presenti anche i rappresentati di tutti i principali istituti bancari del territorio: Cariromagna, Unicredit, BCC Ravennate Forlivese Imolese, Carisp Cesena, Banca Sviluppo, Cassa dei Risparmi di Ravenna, BPER, BCC Romagna Banca.
Ricordiamo che “Zero interessi” vale per finanziamenti bancari, dedicati prevalentemente a investimenti, fino a 25.000 euro. Il contributo è rivolto ad aspiranti imprenditori e nuove imprese in fase di costituzione/avviamento, compresi liberi professionisti e lavoratori atipici.
A partire dal 2018, anche le imprese già attive potranno beneficiare di questo supporto, alle stesse condizioni: visto il grande interesse dimostrato dalle imprese verso i voucher ministeriali per la digitalizzazione, CNA Forlì-Cesena ha deciso di rilanciare ora con una nuova azione, volta a supportare le imprese nel rinnovo delle infrastrutture informatiche, sia hardware che software, e l’ecommerce. Un bisogno che interessa, come abbiamo visto, in maniera trasversale tutti i settori. A conferma del fatto che “CNA investe sulla ripresa”, per riprendere lo slogan della campagna portata avanti negli ultimi anni, ed è in prima linea a fianco delle imprese.

 

 

 


Foto

Opportunità
CNA paga gli interessi alle nuove imprese | Forlì, 13 marzo 2018

 


Video


Opportunità
CNA paga gli interessi alle nuove imprese | Forlì, 13 marzo 2018