Logo CNA Forlì Cesena

31-01-2020 | Primo piano

A Forlì scoppia la Caterina mania

A Forlì scoppia la Caterina mania

Sold out al Diego Fabbri per la serata dedicata a Caterina Sforza, la signora di Forlì, promossa da CNA Forlì città, col progetto teatrale dell’Orto del Brogliaccio

Sold out da giorni, con una lunga lista d’attesa, per la serata promossa da CNA Forlì città dedicata a Caterina Sforza, giovedì 30 gennaio al teatro Diego Fabbri di Forlì. Fra i 700 presenti, tante imprese associate a CNA Forlì-Cesena, ma numerosissimi anche i cittadini, attratti magneticamente da una figura storica dal grande carisma.

Al centro della serata, il progetto teatrale dell’Orto del Brogliaccio, “Caterina, i volti della signora di Forlì”, andato in scena per la prima volta.

Nell’apertura Monica Sartini, presidente di CNA Forlì città, ha ricordato che la serata costituiva la 22^ edizione del CNA Day della CNA cittadina, che negli ultimi anni si è connotato come un’esperienza teatrale che mixa momenti conviviali a contenuti formativi, citando le edizioni precedenti con Paolo Cevoli e Andrea Zorzi.

Si è entrati, poi, nel vivo del tema con le suggestive letture di Marco Viroli, che con efficaci pennellate ha inquadrato la figura storica e umana di Caterina Sforza: donna in un mondo di uomini, considerata a suo tempo una “virago”, donna di grandi passioni, grande intelligenza e grandi contrasti.

 

È stata quindi la volta dell’atteso “Caterina, i volti della signora di Forlì”, progetto teatrale dell’Orto del Brogliaccio, con regia e drammaturgia di gruppo a cura di Federico Bellini. Ricordiamo che lo spettacolo è frutto del lavoro collettivo di coloro che hanno risposto alla call lanciata nello scorso novembre: numerosi tra attrici, attori, tecnici e altre figure che hanno aderito e contribuito attivamente.

Mentre i dieci attori, tutti vestiti di nero, hanno impersonato i tanti uomini della vita di Caterina, ossia i tre mariti e gli otto figli, ci sono volute ben sette attrici di bianco vestite per presentare, in un racconto corale, le varie sfaccettature e i vari volti della leonessa alias tigre di Romagna.

“Caterina può diventare il brand di Forlì, come Artusi lo è stato per Forlimpopoli – ha spiegato successivamente Monica Sartini – abbiamo già visto le prime produzioni a lei ispirate: dal video trailer, alla spettacolare immagine di Daniele Tamburro riproposta nel manifesto della serata, al marchio Forlì città di Caterina Sforza, donato da CNA al comune di Forlì, al quale compete il ruolo di regia. Caterina ha tutte le caratteristiche perché i forlivesi vi si riconoscano e per essere attrattiva verso l’esterno. Questa serata parla di noi: la nostra identità, i valori e le tante potenzialità ancora inespresse dal nostro territorio, una narrazione contemporanea della nostra storia attraverso una sua grande protagonista, affinché questa possa diventare un simbolo perennemente attuale e in cui poterci riconoscere tutti noi come comunità”.

Alla presentazione, curata anche da Cecilia Milantoni, è seguito l’intervento del sindaco Gian Luca Zattini: “Caterina è una donna bella, intelligente, libera che rappresenta benissimo le donne romagnole. Tanti uomini le sono girati intorno ma lei è sempre stata protagonista. Ringrazio ancora CNA per il lavoro fatto e per il marchio che ci ha donato e do appuntamento a tutti a fine maggio quando, in occasione dell’anniversario della sua morte, il comune organizzerà una tre giorni dedicata a Caterina Sforza. Vogliamo promuovere Forlì come città della cultura e città del bello”.

Molto coinvolgente anche il momento della consegna del Premio Caterina, da parte del presidente provinciale di CNA Lorenzo Zanotti: “Caterina è una donna dagli infiniti volti, forte ed astuta, coraggiosa e implacabile, amante delle arti e del bello. Con questo premio, un’opera di Daniele Tamburro realizzata appositamente per l’occasione, abbiamo voluto celebrare una forlivese che si pone come sua degna erede”. La prima edizione del premio è andata ad Aurora Dozio, studentessa di 16 anni giovane artigiana della scrittura che, grazie alla sua sensibilità, è riuscita a raccontare magistralmente il mondo dei suoi coetanei nel suo primo libro, “Prendendo il volo”.

In chiusura, Monica Sartini chiama sul palco tutta la presidenza dell’area territoriale e ringrazia tutti coloro che hanno collaborato alla buona riuscita della serata.

La serata, che gode del patrocinio del Comune di Forlì, è promossa da CNA Forlì città in collaborazione con Orto del Brogliaccio, Onda Film, Forlì-Cesena Cuore buono d’Italia.

Lo spettacolo “Caterina, i volti della signora di Forlì” ha visto la partecipazione di (in ordine alfabetico): Irene Albanese, Elena Balsamini, Riccardo Benghi, Gianfranco Boattini, Matteo Camorani, Andrea Cortesi, Francesca Fantini, Stefano Farolfi, Ferdinando Fogliamanzillo, Edoardo Liverani, Luca Mancini, Eleonora Mazzotti, Noemi Nappi, Alessandra Rontini, Aris Tsopanellis, Alberto Zaffagnini, Laura Zoli.

Aiuto regia di Barbara Valenti; luci di Giorgio Cervesi Ripa; costumi di Manuela Camprini e Ariane Lanchais; direzione artistica a cura di Orto del Brogliaccio


Foto

Primo piano
A Forlì scoppia la Caterina mania | Forlì, 30 gennaio 2020

 


Video


Primo piano
A Forlì scoppia la Caterina mania | Forlì, 30 gennaio 2020