Logo CNA Forlì Cesena

24-10-2012 | Territorio

Piccola impresa. Sempre nuove energie per crescere

Piccola impresa. Sempre nuove energie per crescere

3.700 Imprenditori associati, di cui oltre 1.000 giovani,  850 donne e 100 stranieri. E poi i servizi: 1.300 contabilità, 4.400 dichiarazioni dei redditi e 3.850 cedolini elaborati mensilmente. Ma anche 1.700 pensionati associati. Questi i numeri dell’area territoriale CNA Cesena Val Savio, nata nel gennaio 2012 con il nuovo modello organizzativo di cui si è dotata CNA Forlì-Cesena. Una rappresentanza importante, che coinvolge l’intera area di Cesena e della Vallata del Savio e pone CNA come la più importante Associazione di imprese del territorio.

Si terrà tra pochi giorni  l’appuntamento istituzionale più significativo dell’anno per l’area territoriale: l’Assemblea annuale, intitolata “Piccola impresa. Sempre nuove energie per crescere”. L’evento si terrà mercoledì 24 ottobre alle ore 20.30 presso Ristorante Ponte Giorgi di Cella di Mercato Saraceno.
Si parlerà di risparmio energetico e fonti rinnovabili, oltre che delle opportunità per le imprese che offre la green economy. Le risorse primarie, quali petrolio e carbone, sono in via di esaurimento e l’approvvigionamento di energia risulta sempre più difficoltoso e costoso. Ne sanno qualcosa i piccoli imprenditori che pagano l’energia molto di più dei loro colleghi europei: con un 32% in più rispetto alla media dei paesi UE l’Italia detiene la maglia nera delle bollette più care di tutto il vecchio continente.

Seguendo l’esempio dei paesi economicamente più avanzati, è quanto mai indispensabile orientarsi verso uno sviluppo sostenibile. Anche perché, come testimoniato da Unioncamere, una delle possibili ricette anticrisi di questi anni è stata proprio la green economy, potenzialità a cui ha guardato con interesse il 30% delle piccole e medie imprese italiane. Un settore che ha fatto nascere molteplici professionalità e nuove opportunità per le imprese. Anche nel nostro territorio ci sono spazi di crescita. Peraltro la nostra è una delle poche regioni che si è dotata di un piano energetico, con precisi obiettivi e risorse economiche: 140 milioni di euro è la cifra destinata al piano triennale 2011-2013.

In questo contesto, CNA è da sempre in prima linea nell’individuare nuove opportunità di sviluppo per le proprie imprese, partner affidabile per la ricerca di strumenti e contatti per realizzare idee e trasformarle in applicazioni imprenditoriali vincenti. Un appuntamento come l’Assemblea serve anche per parlare alle Istituzioni locali, per invitarle a compiere uno sforzo attivando, da una parte, un’azione di sensibilizzazione dell’utenza e, dall’altra, definendo un quadro normativo di riferimento chiaro e, soprattutto, omogeneo fra i diversi comuni.

Su questo versante già nel 2009 CNA ha finanziato una “Mappatura dei regolamenti comunali in materia di energia”. Il risultato è stato assolutamente deludente: c’è grande eterogeneità ad esempio fra i regolamenti dei comuni per quanto riguarda l’installazione di impianti per la produzione di energie rinnovabili. Di qui la necessità di giungere al più presto ad una armonizzazione del quadro normativo urbanistico, magari partendo proprio dall’esempio del piano energetico del capoluogo.

Un altro tema caldo è quello della riqualificazione degli edifici. CNA ha prodotto uno specifico progetto “Ristrutturare rigenerare, riorganizzare la città per una nuova qualità dell’abitare”, presentato a Cesena lo scorso aprile. Avviare un percorso di rigenerazione del patrimonio edilizio invecchiato, riducendo l’inquinamento, stoppando il consumo di territorio, ridisegnando parte delle nostre città e contribuendo a ridare ossigeno a un settore, il comparto casa, particolarmente colpito dagli effetti della crisi.

Ci sono poi molti strumenti specifici attivati dal sistema CNA Forlì-Cesena per affiancare le imprese: dallo Sportello Energia, con il Progetto Empower, che assicura risparmi fino al 30% nell’acquisto di energia; al Servizio ambiente attivo in materia di eco-incentivi; alla formazione, attraverso Ecipar, su temi quali la gestione aziendale ecosostenibile o l’analisi del ciclo di vita del prodotto; o infine Paghe impatto zero, un servizio che elimina completamente l’uso della carta.


Scarica il programma dell'Assemblea